Artista Sandro Cocco

Sandro Cocco

Artista, Belgio

118 follower·1585 iscrizione

Informazioni sull'artista Sandro Cocco

Traduzione automatica

Nato, Anversa (1973). Suo padre era di origine italiana (Sardegna) e sua madre era belga. Ha iniziato la sua educazione artistica con un anno di studio dell'illustrazione (1993) dove ha appreso le tecniche di base. Ma ha scelto di studiare pittura l'anno successivo (1994) perché voleva esplorare la sua espressione personale. Durante i suoi studi di pittura (1994-1998), i primi due anni ha disegnato principalmente dall'osservazione: disegno di figure, nature morte, interni. Durante il secondo anno di disegno di figura, ha iniziato a disegnare senza guardare il foglio (disegno alla cieca). Questo è stato l'impulso a iniziare a fare il "suo" lavoro al terzo anno. Questo è il momento (1996) in cui ha iniziato a realizzare disegni astratti "Amorfi". Sono disegni in cui si lascia alle spalle la percezione della realtà per scoprire il proprio mondo interiore della forma. Questo sulla base della tecnica 'écriture automatique' che veniva spesso utilizzata dai surrealisti. Dopo aver realizzato disegni e dipinti con forme 'Amorfe', ha sentito il bisogno di creare quelle forme in altri media, che si sono manifestate in stampe, sculture, installazioni, fotografie e video. Nel quarto anno (1998) ha voluto esplorare la narrazione e questo ha portato a venti collage di foto digitali. Per tre anni ha continuato a realizzare collage fotografici (1999-2001). Per questo ha deciso di studiare Fumetto (2001-2003). Ha realizzato una Graphic Novel biografica e pubblicato alcuni racconti su alcune riviste, ma ha sentito il bisogno di creare nuovamente opere d'arte 'libere' senza limiti di espressione. Così nel 2004 ha ricominciato a realizzare disegni astratti 'Amorfi' in 'écriture automatique'. Fino a quando, nel novembre 2005, è andato a trovare un amico che aveva un quadro in stile surrealista appeso alla parete. L'uso di simboli in quel dipinto lo ha invitato a iniziare la sua serie "Stanze immaginarie" in cui utilizza motivi figurativamente riconoscibili. Per lui è in realtà una sorta di diario in 'écriture automatique' in cui spera di comunicare con lo spettatore. Lo scorso dicembre (2021) ha iniziato una nuova serie che chiama serie "Head". Vorrebbe creare opere da contemplare.

Riepilogo
  • Membro della comunità dal 14 febbraio 2023
  • Tipo di belle arti:PitturaGrafica

Mostre

Traduzione automatica

Mostre collettive 1998. 'Coming Out', Centro provinciale, Anversa 1998. "Stanza delle idee", edificio KDG, Groenplaats, Anversa 1999. 'Venti collage di foto', Centro culturale Warande, Turnhout 1998. Nove, installazioni, Bruges 2003. Settimana dell'Arte, Renaix 2004. Settimana dell'Arte, Renaix 2005. Settimana dell'Arte, Renaix 2006. Tessuto della Cultura, Renaix 2020. 'Mouvement #6', mostra collettiva, a cura di Philippe Luyten, Centro Culturale, Rochefort Mostre personali 1998. 'Painting in evolution', installazione, studio, Anversa 1998. 'Bath', installazione in uno spazio pubblico, Anversa 1998. 'Il mio studio come acquario', installazione, studio, Anversa 1998. 'Installazione totale', Anversa 2000. Solo, Anversa 2001. "La visita", Gand 2002. "L'altro lato", Gand 2009. 'Duo', acquerelli, Naha, Okinawa, Giappone 2013. 'L'Autre Côté', Rochefort 2017. 'Motz en Folie, Dinant 2017. Personale, disegni, Art University, Namur 2017'. Stanze immaginarie', Rochefort 2018. Assolo 'Welcome to Wallonia', Rochefort

Istruzione

Traduzione automatica

Dopo anni di osservazione e disegno dalla natura (modelli, nature morte, interni, paesaggi), stavo cercando un metodo di lavoro che potesse tenermi un'avventura per me e che potesse sorprendermi del mio stesso lavoro. Ho scoperto la tecnica dell''écriture automatique' (disegno automatico) nel 1996. Il mio metodo di lavoro è il seguente: inizio a disegnare direttamente su un foglio di carta vuoto con inchiostro di china (senza uno schizzo a matita). Comincio a tracciare alcune linee. Decido una forma da qualche parte sulla carta. E questa forma mi detta cosa devo disegnare dopo per mantenere la composizione "in equilibrio". Non ho un piano, non so cosa apparirà. Questo è esattamente lo stato mentale che voglio o devo creare. Ho iniziato la mia serie astratta "Amorphous" nel 1996 con questo metodo. Nel 2005 sono andato a trovare un amico e ho scoperto sulla sua parete un quadro surrealista che mi ricordava le opere del pittore Giorgio de Chirico. L'uso dei simboli in questo dipinto mi ha invitato a iniziare la serie "Stanze immaginarie" in cui utilizzo per la prima volta elementi visivamente riconoscibili nella speranza di poter comunicare di più con lo spettatore. Ma il mio metodo di lavoro è rimasto lo stesso. Tutte le 'Stanze Immaginarie' sono realizzate con la stessa tecnica dell''écriture automatique'. Spero che tu possa entrare nel mio lavoro con la tua immaginazione e regalarti un momento di piacere visivo, sogno o contemplazione.

Attività Recente
Tutte le pubblicazioni